Tra gli ambienti più importanti della casa, il bagno riveste un ruolo essenziale nell’ambito domestico, rappresentando un luogo di relax e rigenerazione personale. Data la sua rilevanza, arredarlo al meglio richiede una particolare cura: la funzionalità è fondamentale, ma non possiamo trascurare l’estetica.

Uno degli aspetti da valutare con attenzione riguarda il pavimento, soggetto all’accumulo di acqua e residui di sporco e polvere. Data la sua esposizione costante a questi agenti, è essenziale che il rivestimento sia resistente. In questo contesto, una scelta altamente consigliata è rappresentata dal pavimento in resina per un bagno moderno, funzionale e durevole.

Resina per il pavimento del bagno: tutti i vantaggi

Per realizzare un pavimento per il bagno che sia compatto, resistente ed esteticamente accattivante, la scelta sempre più diffusa è la resina, una tendenza del momento che coniuga funzionalità e design. 

Utilizzata ampiamente per la pavimentazione del bagno, la resina è apprezzata per i suoi numerosi vantaggi. Oltre all’impatto visivo, offre la possibilità di mantenere il bagno pulito e privo di umidità. Inoltre la resina è contraddistinta da basso spessore e da proprietà idrorepellenti, impedendo l’accumulo di acqua e prevenendo infiltrazioni di umidità. Tra i suoi vantaggi, c’è il fatto che è priva di giunture: si tratta di un rivestimento che non trattiene sporco e polvere ed è facile da mantenere pulito.

Quanto dura un bagno in resina e altri dettagli da tenere in considerazione

La resina è una scelta sempre più diffusa e apprezzata per i suoi numerosi vantaggi. Oltre a proteggere il bagno dall’umidità, offre una notevole resistenza al calore e al passare del tempo, mantenendosi durevole. Grazie alle sue proprietà antibatteriche, questa soluzione aiuta a prevenire la formazione di muffe, semplificando così la pulizia e la manutenzione. 

Un altro vantaggio della resina è la sua capacità di essere applicata direttamente sul rivestimento esistente, evitando la necessità di rimuoverlo. Tra le tipologie di resine più comuni per il bagno ci sono: microcemento, resina autolivellante e resina spatolata. La resina può essere utilizzata in varie parti del bagno, tra cui la vasca da bagno, il top del lavabo e le pareti. Per migliorare le sue prestazioni, è consigliabile applicare una vernice protettiva quando viene utilizzata per rivestire la vasca da bagno.

Disponibile in una vasta gamma di finiture, questa opzione è altamente personalizzabile, consentendo di creare un risultato unico, irripetibile e su misura in base alle esigenze individuali. Resistente agli urti e alle abrasioni, solido e uniforme, un pavimento in resina può mantenere la sua bellezza fino a 30 anni. 

Per garantire un risultato impeccabile, è fondamentale che l’applicazione del pavimento in resina sia eseguita da professionisti esperti del settore. Affidati agli esperti di Assopav per la sua realizzazione: contatta lo staff per maggiori informazioni.