Il pavimento autolivellante unisce estetica ed elevate performance, rappresentando un’opzione ottimale. Si tratta di una soluzione monolitica, liscia, dal colore omogeneo, impermeabile, resistente e funzionale. Ma a cosa serve esattamente il pavimento autolivellante? Il termine “autolivellante” si riferisce a un tipo di pavimento o a un composto per pavimentazioni che è in grado di livellarsi autonomamente, eliminando così i segni lasciati dagli attrezzi di posa.

Pavimento in resina autolivellante: i vantaggi

Tra i prodotti autolivellanti, la resina autolivellante emerge come una soluzione versatile e sempre più diffusa sia in contesti civili che industriali. Grazie alle sue numerose applicazioni, la resina autolivellante è utilizzata in ambienti come abitazioni, showroom, spazi commerciali, uffici, ristoranti e musei. Offre una serie di vantaggi che la rendono molto apprezzata: è altamente personalizzabile, durevole e resistente meccanicamente, all’usura, agli agenti chimici e alle abrasioni. Inoltre, richiede una bassa manutenzione, è igienica e sicura. Grazie alla mancanza di giunture, la superficie del pavimento in resina autolivellante è facile da pulire. 

Questo tipo di pavimentazione può essere applicato anche su un rivestimento esistente, consentendo il rapido rinnovo degli ambienti senza la necessità di demolire la superficie, previa valutazione da parte di specialisti. È fondamentale affidarsi a professionisti per la sua realizzazione, poiché se non viene posato correttamente, con il passare del tempo potrebbero emergere segni di invecchiamento.

Pavimento autolivellante in resina: altri dettagli

Il pavimento autolivellante in resina offre una superficie liscia, uniforme e ad effetto vetro. Questo rivestimento di alta qualità presenta una finitura brillante e d’impatto. Estremamente versatile, può essere realizzato in una vasta gamma di colori e finiture, garantendo un’estetica personalizzata. Inoltre, è una soluzione più economica rispetto ad altre opzioni e richiede una manutenzione ridotta. I pavimenti autolivellanti in resina possono essere realizzati rapidamente e offrono una superficie solida nonostante lo spessore ridotto, di solito intorno ai 3 millimetri.

Sottofondi in massetto autolivellante:

Una possibilità estremamente valida è rappresentata poi dal massetto autolivellante, grazie al quale ottenere un pavimento perfettamente piano e preciso. Composto da cemento, sabbia e additivi chimici che uniti all’acqua diventano fluidi e livellabili, questo elemento si applica prima della posa del pavimento. Caratterizzato da una resa eccellente e dalla durabilità nel tempo, il massetto autolivellante consente di creare un fondo regolare ideale per l’applicazione successiva del pavimento, evitando problemi di livellazione. Grazie alla sua fluidità e facilità di lavorazione, questa soluzione semplifica e accelera il lavoro, garantendo una migliore aderenza e un risultato finale di alta qualità.

Per realizzare pavimenti autolivellanti o per ottenere ulteriori informazioni su questa soluzione, rivolgiti ad Assopav, da oltre 45 anni un punto di riferimento nel settore.