Che si tratti di ambienti esterni o interni, la pavimentazione in resina è una soluzione ottimale, i cui costi variano a seconda della tipologia scelta e del lavoro realizzato. Ricorrere alla resina per la pavimentazione significa ottenere una superficie molto durevole. La pavimentazione in resina è caratterizzata da una notevole resistenza sia dal punto di vista meccanico, sia chimico. Questa proprietà le consente di sopportare il passaggio di mezzi carrabili e di resistere agli agenti atmosferici, agli urti e alle abrasioni. 

Questo tipo di pavimentazione si presta così a molteplici ambienti, risultando ideale per giardini, terrazzi, gradini, uffici, negozi, locali, industrie e interni di appartamenti come cucine, bagni e soggiorni.

Pavimentazione in resina: i costi

Per quanto riguarda i prezzi della pavimentazione in resina, questi variano in base al tipo di lavorazione da realizzare. Ad esempio, le pavimentazioni in resina realizzate da artigiani esperti, hanno un costo che varia dai 70 ai 110 euro al mq.  Nel caso si desideri puntare sulla massima qualità, si può optare per la resina con effetto cementizio: in questo caso, il prezzo del pavimento in resina al mq si aggira intorno ai 90/110 euro al mq. A questi costi, in alcuni casi è necessario aggiungere quelli dettati dall’applicazione di trattamenti speciali per la preparazione della posatura.

Nell’affrontare i costi per la realizzazione del pavimento, grazie all’Ecobonus è possibile portare in detrazione il 65% della spesa per l’acquisto dei materiali e la messa in posa della pavimentazione.

Pavimentazione in resina: le peculiarità

Creata con una miscela liquida di consistenza viscosa, la superficie in resina ha molti pregi. Innanzitutto, il fatto che è priva di fughe, risultando così dall’aspetto continuo e compatto, facilitando la pulizia ed evitando che sporco e polvere si accumulino. Inoltre, l’assenza di giunti conferisce alla superficie un forte impatto visivo, donando agli ambienti un’estetica accattivante. Questa opzione è versatile e personalizzabile, consentendo di creare effetti svariati. In generale, la pavimentazione in resina si adatta a tutti gli stili d’arredo, da quelli più eleganti a quelli più moderni.

Un altro grande vantaggio dei rivestimenti in resina è il basso spessore.  Altro pregio è poi la loro elevata resistenza all’usura, agli agenti chimici e atmosferici, che determina una manutenzione davvero ridotta

La resina è impermeabile all’acqua, può essere posata sia per creare pavimenti nuovi, sia per rinnovarne di esistenti, ed è inodore, rappresentando quindi una soluzione ottimale anche in ambienti in cui si maneggiano alimenti, come previsto dalla normativa UNI 11021. Negli esterni, la pavimentazione in resina ha il pregio di evitare la comparsa di erbacce che potrebbero insinuarsi in caso della presenza di giunti.

Per evitare che la superficie si macchi nel tempo è cruciale effettuare un trattamento ad hoc. Inoltre, è necessario sottoporre il pavimento in resina a un trattamento impermeabilizzante, fondamentale in particolare per i rivestimenti esterni e per quelli interni collocati in contesti impregnati di umidità. 

Da non sottovalutare poi il fatto che, durante la sua posatura, si maneggiano materiali chimici e proprio per questo non ci si può improvvisare: il fai da te non è consigliabile. Per posare questo rivestimento è necessario affidarsi a professionisti del settore.

 

Se desideri realizzare la pavimentazione in resina affidati al team di Assopav, punto di riferimento nel settore da decenni. Rivolgiti al nostro staff.