Nel mondo dei pavimenti, il microcemento si distingue per essere una delle tendenze di maggior rilievo degli ultimi anni. Questo rivestimento continuo ha guadagnato grande popolarità ed è sempre più usato per gli interni: si tratta di una scelta ormai diffusissima che offre una serie di vantaggi, tra cui resistenza, praticità, impermeabilità, versatilità, durabilità e impatto estetico.

Se inizialmente era usato principalmente per ambienti come showroom ed esposizioni, oggi il microcemento è impiegato anche nei contesti abitativi, creando ambienti d’impatto. Resina a base cementizia, questa soluzione rivoluzionaria consiste in un materiale di costruzione composto da cemento, resina, pigmenti e aggregato, noto per le sue elevate performance e l’estetica accattivante. Questa opzione innovativa è inclusa tra le proposte della vasta gamma di Assopav, un punto di riferimento nel settore da molti anni.

Pavimento in microcemento: i vantaggi di questa soluzione all’avanguardia

Quando si parla di microcemento, è inevitabile menzionare la sua personalizzazione. Tra i suoi numerosi vantaggi, spicca la grande varietà di texture e colori che offre, permettendo di creare effetti unici. Oltre ai classici grigi e beige, la palette del microcemento comprende una vasta gamma di proposte dalle diverse tonalità e vari effetti e finiture, come lucida, opaca e satinata. Applicato manualmente, il microcemento consente di creare una superficie irripetibile, personalizzando le sfumature e l’intensità secondo le singole esigenze. 

Accanto alla personalizzazione, spicca la versatilità di questa opzione. Il microcemento può essere impiegato in molteplici contesti, dai locali commerciali alle superfici di grandi dimensioni come show-room, alberghi e ristoranti. È utilizzato sia per le pavimentazioni che per le scale, più diffuso negli uffici e nelle abitazioni. In particolare, nelle case è indicato per ambienti come il bagno, ideale grazie al trattamento protettivo garantisce la massima impermeabilità. Non da ultimo, la sua versatilità si manifesta anche nel fatto che può essere utilizzato non solo per il pavimento, ma anche per rivestire elementi esterni come scaffali, mobili e superfici verticali.

Altri pro e i contro del pavimento in microcemento

Dal punto di vista tecnico, il microcemento è estremamente pratico, essendo facile da pulire e igienizzare grazie alla sua superficie priva di fughe. Altri vantaggi includono la resistenza al calpestio, l’impermeabilità, l’eccellente aderenza, la durabilità e lo spessore ridotto. Inoltre, può essere posato su rivestimenti già esistenti (previa valutazione tecnica), evitando così le demolizioni. Pratico e sicuro, rappresenta anche una soluzione ecocompatibile grazie alla sua formulazione a base di acqua.

Quando si considerano gli svantaggi del microcemento, è importante tenere presente che una posa non corretta può portare alla formazione di microfessurazioni sulla superficie, un problema difficile da risolvere senza dover riposare l’intero rivestimento. Inoltre, temperature troppo alte o troppo basse durante la posa possono compromettere la superficie: l’ideale è posare il microcemento a una temperatura compresa tra i 15 e i 20 gradi. Proprio per queste ragioni, il fai-da-te è sempre sconsigliato quando si tratta di installare il microcemento: solo affidandosi a professionisti del settore si può ottenere un risultato d’impatto, performante e duraturo nel tempo.

Se desideri realizzare un pavimento in microcemento, affidati agli esperti di Assopav: contatta lo staff per maggiori informazioni.